Ad un mese dalla Stella, Eugenio Boer lascia Essenza. Al suo posto Matteo Torretta

26 giorni. Tanto è passato da quando è stata svelata l'ultima edizione della Guida Michelin. 26 giorni da quando, finalmente, anche Essenza dello chef Eugenio Boer può fregiarsi dell'ambita stella. La notizia vera è che lo Boer, a partire da gennaio 2018 non sarà più alla guida della brigata del neo-stellato milanese. 

Il progetto, nato nel 2015, vedeva il giovane chef come ideatore e titolare (come riporta il Gambero Rosso). In realtà sembra che la proprietà del ristorante appartenga ad un gruppo che possiede anche il ristorante di cucina sarda Gallura (in via Vittorio Colonna, sempre a Milano). Quella del Gallura è un tipo di ristorazione come se ne trova tanta a Milano: tanti coperti, magari più di un turno a sera e prezzi contenuti per invogliare milanesi e turisti. Insomma, qualcosa di totalmente diverso da ciò che rappresenta un ristorante stellato di alto livello, almeno nei primi due punti precedenti. Se la storia della proprietà fosse vera allora le strade possono essere due: Boer ha deciso di sua iniziativa che avrebbe lasciato la guida di Essenza oppure è stato licenziato dalla proprietà. 

Il motivo scatenante potrebbero essere i soldi. Il mondo della ristorazione stellata non è un mondo di facili guadagni: è risaputo che tra onori e oneri derivanti dai premi, spesso i secondi siano più pesanti dei primi. Riconfermarsi ad alto livello di anno in anno è particolarmente faticoso soprattutto da un punto di vista economico. Può dunque essere che la proprietà pensasse a un diverso impatto economico del ristorante gourmet che però non si è del tutto concretizzato.

Il sostituto è Matteo Torretta

Il toto-sostituto è partito praticamente subito. L'indizio è arrivato ieri sera con un post su Instagram di Matteo Torretta, già chef del ristorante Asola Cucina Sartoriale, che mostra l'interno del locale di via Marghera; l'ho contattato per chiedere conferma della notizia e la risposta è stata affermativa:"é vero, vado da Essenza; però continuerò anche il mio lavoro da Asola". A lui dunque spetta il compito di confermare l'anno prossimo ciò che Boer ha conquistato a Novembre.

Un grande in bocca al lupo ad entrambi per il proseguimento dei loro percorsi.

 

Foto:  Il Giorno Instagram